INFRAROSSO

I raggi infrarossi, come è noto, sono onde elettromagnetiche a bassa frequenza in grado di trasmettere calore, e proprio per via di questa caratteristica sono sempre più utilizzati anche a scopo terapeutico. Oggi infatti, sempre più di frequente vi si trovano, negli ambulatori medici e nelle strutture fisioterapeutiche, lampade – solitamente al filamento di tungsteno – in grado di generare raggi IR a varie lunghezze d’onda. Il calore che questi raggi trasmettono vieneassorbito facilmente dal corpo, poiché penetra solo la superficie della cute e dei tessuti, e provoca una benefica vasodilatazione oltre che degli stimoli anche a un livello nervoso e muscolare. Il trattamento con infrarosso è indicato in particolare per curare dei disturbi specifici associati all’apparato circolatorio, scheletrico nonchè ai muscoli

Utilizzo dell’infrarosso in medicina e fisioterapia Nella pratica medica e fisioterapica vengono comunemente usati gli infrarossi di tipo A (con lunghezza d’onda che va da 7.600 a 14.000), innanzitutto per via delle proprietà curative che posseggono. Tra i causa-effetto principali che spingono oggi un numero sempre crescente di professionisti ad utilizzare le tecniche IR vi sono in particolare i benefici offerti da questo irroramento termico, che si traducono in effetti sia analgesici che distensivi per i muscoli; inoltre la dilatazione agevola la circolazione sanguigna e permette una più rapida ed efficace rimozione delle sostanze di rifiuto prodotte dai processi chimici corporei, e al contempo favorisce un più ampio flusso delle sostanze nutritive e dell’ossigeno lungo i tessuti.

Per quali disturbi è indicato il trattamento con raggi IR? L’infrarossoterapia è oggi indicata per il trattamento dei postumi di traumi, artrosi cervicale o lombare e dolori, oltre che per disturbi che colpiscono l’apparato muscolare (torcicollo, lombalgie e altri malanni similari). Inoltre, i raggi IR sono utilizzati anche in caso di lesione (ad esempio per curare piaghe da decubito), poiché il rilascio di calore IR stimola i naturali processi riparativi del corpo. L’infrarosso è utilizzato in fisioterapia anche per predisporre il paziente alle sedute di cinesiterapia, poiché agevola l’esercizio fisico riducendo notevolmente il dolore muscolare.

I raggi IR in ambito curativo: sono sicuri? L’uso dei raggi IR a scopo terapeutico oggi è sempre più diffuso, anche perchè non vi sono state riscontrate particolari controindicazioni per ciò che concerne l’utilizzo. Tuttavia è sempre opportuno che i trattamenti siano seguiti da medici e fisioterapisti dalle mani esperte, al fine di scongiurare interventi sommari e sovraesposizioni che potrebbero causare ustioni cutanee o colpi di calore.

Contattaci per prendere un appuntamento

cliccando su INVIA si autorizza il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003, come da Privacy policy riportata sotto